16.08.2021 -
Oliver Steimann

Ricette contro l’era glaciale… bilaterale

Immagine
Seil mit Eis
Come andare avanti dopo la fine dell'accordo istituzionale? A Basilea, un interessante podio è andato a caccia di risposte.

Le relazioni della Svizzera con l'UE hanno raggiunto un punto di svolta - almeno su questo punto c’è stato un ampio consenso lunedì sera a Basilea. La Camera di Commercio delle due Basilee (HKBB) e altre camere di commercio hanno invitato i partecipanti a un workshop sulla politica europea. La domanda centrale era: "La via bilaterale ha un futuro? È stato ben presto chiaro che non c'è una risposta chiara a questa domanda. Se si guarda solo al lato svizzero, la risposta è sì. Ma c'è anche la prospettiva europea, anche se viene spesso ignorata in Svizzera, come ha sottolineato l'esperta di diritto europeo Christa Tobler.

Il piano B del Consiglio federale

Dapprima, la segretaria di Stato Livia Leu, capo negoziatore della Svizzera nella fase finale dell'accordo istituzionale, ha esposto la posizione del Consiglio federale. "L'accesso settoriale al mercato unico europeo preservando la massima sovranità possibile ha dimostrato il suo valore". Questo è il percorso che il governo intende continuare, anche senza un accordo quadro istituzionale, ha affermato. Ed ha riassunto il piano B del Consiglio federale in quattro punti: sbloccare il miliardo di coesione, coltivare le relazioni, adattare autonomamente i regolamenti agli standard europei e attuare misure di ripiego. "Ora dobbiamo e vogliamo guardare avanti". Tobler, però, dubita che questo sarà sufficiente: "Sarei molto sorpresa se potessimo semplicemente continuare sulla via bilaterale. La sfida dopo la rottura è esattamente la stessa di prima della rottura".

Focus a breve termine: limitare i danni

Persino Philip Erzinger, che aveva applaudito la conclusione delle trattative in qualità di direttore generale dell'associazione Kompass/Europa, si aspetta ora un'era glaciale bilaterale che potrebbe durare qualche mese, ma anche fino a tre anni. Vuole aspettare che la situazione si sia calmata e poi avvicinarsi di nuovo ai partner europei. Inoltre, ha detto, la Svizzera dovrebbe scusarsi con Bruxelles: "Negli scorsi anni abbiamo sbagliato diverse cose". Matthias Leuenberger, presidente di scienceindustries, non è stato molto d’accordo con questa lettura. Ciò che è più importante ora è la limitazione attiva dei danni, specialmente nel settore della ricerca. Il miliardo di coesione dovrebbe essere sbloccato immediatamente in modo che la Svizzera possa iniziare i colloqui per la partecipazione al programma quadro di ricerca "Horizon Europa".

Quasi nessuno in questa fase mette in dubbio che la via bilaterale sia stata danneggiata. Elisabeth Schneider-Schneiter, consigliera nazionale e presidente della HKBB, accusa il Consiglio federale di non aver mai comunicato in modo trasparente i costi della rottura dei negoziati. Il direttore di Swissmem Stefan Brupbacher aggiunge che il modo in cui la decisione è stata presa ha creato una grande incertezza. Ora la Svizzera deve aspettarsi altre punzecchiature, "anche se non si sa da dove proverranno".

E ora?

Sul podio nessuno crede che si possa tornare alla normale gestione corrente. Viene auspicato un dialogo - con l'UE, con i singoli Stati alleati e con le organizzazioni in Europa, ma anche internamente tra la politica e l’economia. Non ha senso rimpiangere l'accordo istituzionale, ora dobbiamo darci da fare. Secondo Beat Jans, Presidente del Consiglio di Stato basilese, ciò che serve in particolare è una locomotiva per i bilaterali - il Consiglio federale e il Parlamento hanno fallito in questo ruolo. Qualcuno ora deve alzarsi e prendersi la responsabilità. "Perché un treno composto unicamente da vagoni non va da nessuna parte”.

Werkstatt Basel – la discussione da rivedere (de):
www.youtube.com/watch?v=XPGKdnnjQfY

Maggiori informazioni sulle opportunità e le sfide della politica europea della Svizzera nel Podcast di aperta+sovrana (de):
www.europapolitik.ch/de/Ohren-auf-stark-vernetzt-startet-neuen-Polit-Podcast

Tieniti informato